Home » » Aeroporto e Alitalia, è stata fatta "una grande frittata"

 

Aeroporto e Alitalia, è stata fatta "una grande frittata"

Fiumicino. La posizione di Chiodi

FIUMICINO - “Una grande frittata. Sembra essere questo il paragone più appropriato alla questione Raddoppio Aeroporto e crisi Alitalia. Partiamo dalla questione raddoppio e dalla sua genesi: lo stralcio previsionale che vedeva in Viterbo lo scalo per i voli low cost, apre la via a uno scenario unico in Europa, avallando l’uso di un Hub internazionale come scalo per le menzionate compagnie. 
Non solo, di pari passo genera un aumento cospicuo di passeggeri che alla soglia dei 40 milioni farà scattare il progetto per portare il Leonardo da Vinci al raddoppio. Dove, come, quando e perché sembra non interessare assolutamente la politica nazionale che asseconda e avvalla tutte le richieste e i capricci che arrivano dai vari attori, sottoscrivendo il decreto Monti nel Dicembre 2012.
Nel frattempo una conseguenza impressionante di licenziamenti sembra proprio andare nella direzione opposta dei numeri che giustificherebbero tale operazione. Non solo questo, la mancanza totale di una politica industriale vede lo smembramento della compagnia di Bandiera e la perdita continua di commesse e appalti che erano un fiore all’occhiello dello stesso sedime. Come se non bastasse, tutta questa operazione vede lo smembramento e la cementificazione di 1600 ettari di territorio per la maggior parte in Riserva, con un ecosistema tra i più ricchi e delicati d’Europa. Preso atto che secondo me è impensabile e ingiustificabile il contenuto del progetto, è altrettanto ingiustificabile l’azione di Enac che il 30 marzo ha depositato presso il Ministero dell’Ambiente la richiesta di Valutazione Ambientale (VIA), lasciando indietro tutta una serie di altre autorizzazione che a norma di legge dovrebbero essere richieste per tale scempio. Io non la chiamo opera, perché definisco opera qualcosa che serve all’economia o al territorio e non la speculazione spiccia che si cela dietro questa operazione. Ora ci aspettano 60 giorni per le controdeduzioni e le varie azioni da fare e appoggio la scelta del Sindaco Montino di portare l’atto al voto del Consiglio Comunale, ma il mio vuole essere un appello alla Cittadinanza di Fiumicino, alle associazioni territoriali, ai comitati, alle proloco per dire NO a questa operazione. Il ragionamento deve essere spostato sull’efficientamento e la razionalizzazione del sedime attuale che è già ben superiore ad aeroporti che fanno numeri doppi rispetto a quelli di Fiumicino e su questo possiamo fare tutti i confronti e i progetti del caso”.

(14 Apr 2017 - Ore 20:27)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Vertenza Enel: sindacati in Regione

    15 May 2019 - CIVITAVECCHIA - Un confronto positivo, quello di questa mattina in Regione Lazio, con gli assess ...

  • Enel: il futuro di Torre Nord è nel gas

    15 May 2019 - Il direttore Italia del gruppo, Carlo Tamburi, oggi in audizione in commissione Attività produttive alla Camera, intervenendo sul phase out dal carbone ha assicurato: "I tempi sono compatibili con un 2025 di riferimento per fare gli impianti a gas. Occorre semplificare gli iter autorizzativi". Intervento anche del candidato sindaco Tedesco. SINDACATI CONVOCATI OGGI IN REGIONE   

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy