GIOVEDì 22 Agosto 2019 - Aggiornato alle 06:55

Home » » Blocchi di amianto nel mare di Santa Marinella

 

Blocchi di amianto nel mare di Santa Marinella

Intervento della Sezione Navale della Guardia di Finanza. La Procura ha convalidato il sequestro; denunciato un responsabile 

SANTA MARINELLA - La Procura della Repubblica di Civitavecchia ha convalidato il sequestro di alcuni blocchi di cemento contenenti amianto, riversati in mare sul litorale di Santa Marinella, eseguito nei giorni scorsi, all’esito di mirate indagini, dalla Fiamme Gialle della Stazione Navale di Civitavecchia, che li avevano rinvenuti all’interno di uno specchio acqueo in concessione ad un operatore balneare, denunciato per violazioni ambientali e demaniali.

L’intervento scaturisce dalla costante attività di monitoraggio costiero e pattugliamento marittimo svolta dal Reparto Navale di Civitavecchia su tutto il litorale laziale di competenza grazie al costante impiego di elicotteri, motovedette e pattuglie automontate, con finalità di polizia economico-finanziaria, contrasto ai traffici illeciti e repressione di illeciti ambientali.

In particolare, nei giorni scorsi, l’equipaggio di un’unità navale, nel corso di una crociera operativa, notava la presenza in mare di alcuni blocchi di cemento, posti in corrispondenza di un’area demaniale in concessione ad uno stabilimento balneare. I militari si insospettivano a causa dell’insolito posizionamento di questi grandi massi di cemento e della loro forma eccessivamente regolare, tale da renderli perfettamente distinguibili dagli scogli presenti sul posto. Per tali motivi, veniva richiesto l’intervento della Asl di Roma, che mediante opportuni campionamenti ed analisi certificava la presenza di fibre di amianto nei blocchi adagiati in mare.

I Finanzieri, dopo aver individuato il titolare della concessione demaniale, lo segnalavano all’Autorità Giudiziaria per aver realizzato un deposito incontrollato di rifiuti speciali pericolosi per la salute umana, oltre che per violazioni di natura demaniale. I blocchi di cemento-amianto sono stati sequestrati d’urgenza dai militari che ora, coordinati dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia, attiveranno tutte le procedure finalizzate alla bonifica e messa in sicurezza del sito, in modo da ripristinare lo stato originario dei luoghi, anche in considerazione dell’approssimarsi della stagione balneare, a tutela della salute pubblica. L’intervento dei militari del Reparto Operativo Aeronavale di Civitavecchia conferma, anche in virtù del riconoscimento della qualifica di unica “Polizia del Mare”, l’impegno della Guardia di Finanza nel contrasto agli illeciti profitti e nella tutela dell’ambiente e dell’habitat naturale, e a salvaguardia dell’economia del territorio laziale e della salute dei cittadini.

(05 Apr 2019 - Ore 11:53)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy