Home » » La Banca della Tuscia porta in città le novità della Pac

 

La Banca della Tuscia porta in città le novità della Pac

TARQUINIA – Si è svolto sabato mattina nella sala consiliare del Comune di Tarquinia l'importante convegno organizzato dalla BCC della Tuscia in stretta collaborazione con il Consmaremma, e l'adesione anche da parte dell'Università Agraria ed il Comune. La tematica, di interesse primario per un territorio che vede nell'agricoltura il suo principale settore economico, ha in effetti avuto un grande riscontro di pubblico. Gli operatori del settore: agricoltori, sigle sindacali, cooperative ed associazioni non sono mancati all'appello. Ad aprire il meeting il presidente della BCC della Tuscia, Pietro Mencarini, che ha espresso viva soddisfazione per il notevole afflusso di pubblico, segnale importante, che sottolinea come la Pac sia di fondamentale importanza per gli oepratori del settore. Così mentre in Europa si stanno stilando le linee guida della PAC 2014-2020, sabato i tecnici ne hanno chiariti e anticipati alcuni aspetti. “La nostra banca – ha riferito il presidente Pietro Mencarini - ha ritenuto indispensabile informare per tempo gli operatori del settore, sui cambiamenti, e nuovi schemi d'aiuto che attengono la nuova “PAC” 2014- 2020, in maniera tale che gli operatori possano per tempo conoscere e attuare quelle modifiche o migliorie per accedere alle provvidenze comunitarie. E' indispensabile che le aziende possano tornare ad investire in progetti mirati e che utilizzino criteri tecnologici e rispettosi delle tradizioni e dell'ambiente”. Al meeting presenti il sindaco Mazzola, l'on. Battistoni, il Pres. Dell'U. Agraria Antonelli, il Pres. del Consmaremma Bravetti, i sindacati di categoria tra cui il Pres. della Coldiretti Battistelli, il Pres. Dell'assoc. Agronomi, Grazzini e Loretta De Simone (Anga). “Finalmente si torna a parlare di servizi in una congiuntura economica per l'agricoltura e per gli altri settori. Basta quindi con gli effimeri attacchi politici in occasione del rinnovo del Cda del Consorzio di Bonifica. Parliamo di cose serie e di interesse comune. Le cooperative devono fare servizi e non politica” Si è poi entrati nel vivo della tematica con l'intervento del Dott. Li Vecchi, dirig. del Ministero delle Politiche agricole, che ha spiegato le linee guida del progetto, ancora in itinere, della PAC, che per il 2014-2020, porrà gli agricoltori di fronte a nuove normative. Il Dott. Tropea, funzionario dello stesso ministero ha spiegato poi“il Greening”, la Nuova componente verde, voce importante per chi voglia accedere ai fondi . E' poi intervenuto l'on. Battistoni che ha sottolineato l'importanza di questi incontri auspicando se ne facciano altri “Contribuiscono a portare alla luce temi e indicazioni importanti per il comparto – ha riferito – Grazie ai nostri referenti, gli europarlamentari Tajani e Pallone, potremo far arrivare in Europa anche richieste e osservazioni importanti. Per il futuro del settore la parola chiave deve essere ‘crescita’; partendo dalle peculiarità dei territori e dalle sue eccellenze. Dall'Europa ci aspettiamo un ritorno alla centralità dell'economia reale, e l'agricoltura ne è pilastro fondamentale. Il Ministro Romano e l'on. Tajani stanno concordando un'azione comune in Europa; si deve puntare all'eccellenza della produzione. Necessarie poi lo snellimento burocratico e ad un dialogo con le realtà del settore”. Battistelli della Coldiretti ha esposto i punti critici del progetto, lamentando come si vada a colpire di fatto la piccola e media azienda agricola. Antonelli ha spiegato come l'ente civico sia attento alla nuova PAC al punto che ha rimandato le assegnazioni delle quote, ha lanciato poi un messaggio: “si difendano le proprietà collettive!”. Bravetti ha spiegato come la BCC Tuscia possa essere di valido ausilio per gli investimenti in un periodo in cui le grandi banche le soffocano. Ha poi fatto appello alla politica di per una maggiore aderenza alla realtà e alle esigenze del comparto, portando come esempio la Francia, da sempre vicina alle esigenze dei propri agricoltori, ed ha auspicato che il Governo italiano tragga esempio da questo tipo di modus operandi.

(14 Nov 2011 - Ore 16:21)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy