GIOVEDì 21 Novembre 2019 - Aggiornato alle 22:47

Home » » «Abbiamo fiducia nel presidente Ciani»

 

«Abbiamo fiducia nel presidente Ciani»

Domani mattina presso la sede dell’Authority si aprirà il tavolo delle trattative tra le aziende
Rimosso il blocco davanti ai cancelli del cantiere. Gli operai delle ditte: «Vogliamo il pregresso»
Elsa Bertero (Fiom Cgil): «Chiediamo dignità per i lavoratori e rispetto delle regole. La Privilege Yard ha le sue responsabilità»

CIVITAVECCHIA - «Ci auguriamo che la mediazione del presidente Ciani sia risolutiva». Questo il commento della segretaria della Fiom Cgil Elsa Bertero in vista dell’incontro che si terrà domani mattina alle 9,30 a molo Vespucci. Il presidente dell’Autorità portuale Fabio Ciani farà da mediatore e da organo super partes per trovare una soluzione nella vicenda che ha visto coinvolti nei giorni scorsi i lavoratori delle ditte appaltatrici che lavorano nel cantiere per la costruzione di grandi yach della Privilege Yard. Dopo l’accordo che era stato firmato nel tardo pomeriggio di giovedì la situazione sembrava in gran parte risolta. Ma dopo l’assemblea con i sindacati di venerdì mattina gli operai della Ccms e della Cmp hanno deciso di prolungare lo sciopero fino a lunedì: l’azienda ha chiuso in cancelli e ha lasciato gli operai fuori dal cantiere. Intorno alle ore 16 di venerdì dopo aver affrontato alcune valutazioni insieme ai sindacati gli operai hanno rimosso il blocco. «Ci presenteremo domani con l’animo disponibile la confronto e alla concertazione - ha commentato la Bertero - per noi le cose importanti sono due: la difesa dell’occupazione ed il riconoscimento dei diritti dei lavoratori. Anche se nell’intera vicenda le responsabilità non sono solo delle ditte appaltatrici, le responsabilità della Privilege ci sono in quanto committente». La segretaria della Fiom Cgil ha infatti spiegato che per legge la Privilege avrebbe dovuto controllare gli adempimenti delle imprese appaltatrici e subappaltatrici: in particolari nei confronti delle retribuzioni e delle contribuzioni. «In questi giorni abbiamo avuto modo di conoscere le varie posizioni assunte nell’intera vicenda - ha aggiunto la Bertero - posizioni che sinceramente ho trovato singolarmente allineate rispetto alla Privilege, forse un po’ troppo accondiscendenti. Posizioni comprensibili certo perchè parliamo di aziende. Ma di certo non le condividiamo. Per noi quello che conta sono le regole e la dignità dei lavoratori». Tra i progetti futuri della Fiom Cgil c’è la stesura di un protocollo d’intesa generale dedicato al settore.

(19 Set 2009)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy