Home » » Olimpiadi a Torino, M5S si spacca

 

Olimpiadi a Torino, M5S si spacca

Per la prima volta dal suo insediamento in Consiglio comunale a Torino è mancato il numero legale. In apertura di seduta, che avrebbe dovuto discutere una mozione del Pd sulle Olimpiadiinvernali del 2026 ed erano previste le comunicazioni della sindaca, Chiara Appendino, dai banchi della maggioranza è mancata la presenza dei consiglieri pentastellati contrari alla manifestazione. Pertanto le opposizioni hanno deciso di non rispondere all’appello mandando così sotto la maggioranza.

Al momento dell’appello erano assenti i consiglieri grillini Damiano Carretto, Viviana Ferrero, Daniela Albano e Marina Pollicino, considerati, insieme a Maura Paoli oggi presente in aula, l'ala più ‘integralista’ del M5S. L'ex grillina Deborah Montalbano, che fin dall'inizio aveva manifestato la sua contrarietà alla candidatura ai giochi olimpici, invece, da oggi siede ufficialmente all'opposizione essendo passata al gruppo misto.

"Il dato politico è che da oggi la sindaca Chiara Appendino non ha più la maggioranza su uno dei temi importanti per la città - ha commentato il capogruppo del Pd in Sala Rossa, Stefano Lo Russo - Non è bastato Beppe Grillo, ora se la sindaca non ce la fa da sola, il Pd è pronto a venire in soccorso con i suoi voti, ma la giornata di oggi ha segnato una profonda discontinuità e noi auspichiamo che sia proprio lei la prima a coglierla".

Per Osvaldo Napoli, capogruppo di Fi, "ciò che è successo oggi compromette la candidatura di Torino perché ci indebolisce di fronte al Coni". "Il Movimento 5 Stelle è ora che si assuma le proprie responsabilità - ha aggiunto per la Lega Fabrizio Ricca - non abbiamo bisogno di un sindaco succube di una minoranza all'interno della sua maggioranza".

Intanto, su ‘Il blog delle stelle’ in un post a firma di Chiara Appendino si legge che "mercoledì, in seguito al consiglio metropolitano, manifesteremo con una lettera al Coni l’interesse della città". E specifica: "Ci tengo a precisarlo non si tratta di una candidatura ma di una manifestazione d’interesse".

"Vogliamo dimostrare che un’idea diversa di olimpiadi esiste e siamo in grado di metterla in piedi - aggiunge la sindaca - vogliamo creare un nuovo modello che sia un esempio per tutti gli eventi futuri e di cui i cittadini possano vivere i benefici non solo nel ricordo ma nei servizi e nella qualità della vita offerta dal territorio post-olimpico".

"Si tratta di una sfida importante, ne siamo consapevoli. Ma siamo anche consapevoli di avere tutti gli strumenti per affrontarla, di avere le idee, le competenze ed una Rete tale da garantire che l’eventuale organizzazione dei Giochi Olimpici Invernali 2026 avverrà secondo un nuovo modello progettuale e gestionale che possa diventare un modello internazionale".

MALAGÒ FRENA GRILLO - Giovanni Malagò mette i puntini sulle 'i' al termine della riunione odierna della Giunta a Palazzo H: porte aperte al dialogo, anche con il Movimento 5 Stelle, ma su un'eventuale candidatura italiana alle Olimpiadi l'ultima e più importante parola spetta al Coni.

Il Coni, che attenderà la formazione del nuovo governo prima di fare qualsiasi passo, per ora resta alla finestra. Ma intanto manda un avviso chiaro ai naviganti. "Il Coni - premette Malagò - non può che essere contento che qualcuno faccia un endorsement a una candidatura, tanto più se è il garante di un movimento così rappresentato" come quello dei 5 Stelle. "Ma - aggiunge il capo dello sport italiano - per portare avanti una candidatura servono tre gambe di un tavolo: enti locali, Coni e governo. E per evitare brutte figure, preciso che solo il Coni può scrivere al Cio per candidare una città. Chi sostiene il contrario si leggesse quantomeno la carta olimpica".

Un concetto ribadito da Malagò anche di fronte al Consiglio nazionale: "Improvvisamente il tema della candidatura è tornato di gran moda. C'è stata questa fuga in avanti, con prese di posizione anche belle, però fermiamoci qui". La bocciatura alla candidatura di Roma per i Giochi 2024 è una ferita ancora aperta ma da parte del Coni "non c'è nessun problema a considerare il Movimento 5 Stelle come un interlocutore affidabile", precisa Malagò. "Certo - aggiunge - questa stessa domanda andrebbe fatta al Cio. Non so se al di fuori del nostro confine il discorso è altrettanto facile".

ZAIA CANDIDA LE DOLOMITI - Intanto il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha annunciato: “I primi contatti con i colleghi Presidenti delle Province Autonome di Bolzano e Trento, Kompatcher e Rossi, ci sono già stati: per le Olimpiadi invernali del 2026 proporremo una candidatura Dolomitica coordinata tra Veneto, Bolzano e Trento”.

"Saranno - ha detto - Olimpiadi a impatto zero, senza nuovo cemento, che valorizzeranno il già straordinario patrimonio tecnico, sciistico e impiantistico, l’ambiente, la storia e il pregio delle Dolomiti, mettendo anche a frutto l’esperienza che il Veneto sta facendo con i Mondiali di Cortina 2021 e le caratteristiche dell’intero Dolomiti Superski". "Mi sorge spontanea - ha concluso Zaia - l’idea di chiamarle ‘le Olimpiadi dell’Unesco’, perché tutto si svolgerebbe sulle montagne Patrimonio Universale dell’Umanità". (Adnkronos)

(13 Mar 2018 - Ore 09:44)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Mura amiche (foto Elisa La Malfa)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy