MERCOLEDì 22 May 2019 - Aggiornato alle 21:50

Home » » Orgoglio allumierasco: medaglia d’onore per Sesto Galimberti

 

Orgoglio allumierasco: medaglia d’onore per Sesto Galimberti

Si è svolta giovedì la cerimonia di consegna del riconoscimento

ALLUMIERE - Allumiere agli onori della cronaca grazie al grande ‘’Orgoglio Allumierasco’’ Sesto Galimberti. Giovedì mattina alle ore 10, nella sala della Protomoteca del Campidoglio di Roma, alla presenza delle più importanti autorità politiche, civili e militare, si è svolta la cerimonia di consegna delle medaglie d’onore ai sopravvissuti e ai familiari (per chi è deceduto). Ai figli di Sesto, Francesco e Catia, è stata consegnata dal Prefetto di Roma la medaglia d’onore. I due figli di Galimberti, visibilmente e giustamente emozionati, si sono detti «Orgogliosi di aver avuto un riconoscimento per il nostro eccezionale padre che ha sempre lottato per la libertà». Sesto Galimberti cittadino eccelso di Allumiere è stato reduce dalla durissima detenzione in un campo di lavoro nazista durante la seconda guerra mondiale. «La medaglia d’onore - hanno spiegato le autorità presenti alla cerimonia - è l’onorificenza concessa dal Governo Italiano ai cittadini italiani civili e militari (se deceduti ai loro familiari), che dopo l’armistizio dell’ 8 settembre 1943 furono catturati e detenuti dai tedeschi nei lager nazisti non accettando l’adesione alla R.S.I. o alle formazioni delle SS. Furono circa 616.000 i militari italiani che vennero deportati nei campi di concentramento nazisti. Il loro status non fu quello di prigionieri di guerra, bensì di internati militari, abile stratagemma di Hitler per sottrarli alla tutela della Croce Rossa Internazionale. Gli Internati Militari Italiani (I.M.I.), considerati dai tedeschi ‘’traditori’’ furono obbligati a svolgere lavori particolarmente duri e pericolosi, soprattutto in quelle di produzione bellica dove avevano grande esigenza di manodopera. La maggioranza degli internati era adibita ai lavori forzati, con orari massacranti (10-14 ore giornaliere), soprattutto in centri industriali che, peraltro, erano i principali obiettivi dei bombardamenti aerei alleati, in condizioni di alimentazione e igienico sanitarie di pura sopravvivenza. I reticolati, le baracche di legno, le angherie, il freddo, i pidocchi, la fame, la fatica, le punizioni, le fucilazioni, le impiccagioni accompagnarono i prigionieri durante il periodo di permanenza nei lager. Per non dimenticare un passato, che è stato un tragico periodo storico per l’intera Europa abbiamo istituito questa cerimonia». Sesto Galimberti, durante la sua prigionia nel campo di concentramento tedesco ha lavorato nelle strutture di produzione bellica. Riuscito a sopravvivere alle atrocità del lager Galimberti tornato a casa ha avuto il coraggio di superare la brutta esperienza e di fondare la grande Cooperativa Cinque Monti che ebbe una grande espansione territotiale non solo nei due Comuni collinari, ma anche nei territori dei Comuni limitrofi dando lavoro a tanti operai. Galimberti era un uomo forte e tosto, un buon marito e padre e un uomo sempre super attivo. Ha raccolto in un bellissimo e toccante libro, dal titolo: ‘’I miei ricordi’’, tutta la sua triste e dura esperienza vissuta nel campo di concentramento fornendo così la sua preziosa testimonianza per far sì che nulla venisse dimenticato e, come diceva Primo Levi: «che serva da monito per le nuove generazioni».

(06 Apr 2019 - Ore 10:59)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy