Home » » Poesie e quadri contro le svastiche

 

Poesie e quadri contro le svastiche

‘‘Blitz’’ artistico sui muri contro le scritte e i simboli di estrema destra. Manifesti con sonetti e affissi e poi strappati durante la notte in centro città,
mentre sui social i fiumicinesi plaudono all’iniziativa #FiumicinoATestaAlta

FIUMICINO -  La “Primavera” di Botticelli, la “Crocifissione di San Pietro” di Caravaggio, la “Creazione di Adamo” l’affresco di Michelangelo nella Cappella Sistina, ma anche opere di Magritte, Van Gogh, Modigliani, Dalì, Klimt ed altri ancora. Nuovo colpo di scena a Fiumicino che ieri mattina si è risvegliata più “colorata”, grazie all’opera di anonimi, che hanno affisso sui muri della città manifesti che riproducono note opere d’arte. Dopo i sonetti di poeti che hanno coperto le svastiche, le opere dei celebri pittori hanno invaso la città sul litorale romano, senza coprire simboli nazisti o fascisti. Quasi a significare un messaggio culturale più trasversale e non “contro”, una manifestazione senza carattere politico, un fenomeno che tenta di contrastare con la cultura, l’arte e la gentilezza, il clima di violenza e di intolleranza emergente. Nel frattempo debutta l’iniziativa #FiumicinoaTestaAlta lanciata dalla libreria per bambini Matrioska che distribuisce segnalibri con gancetti, contenenti messaggi positivi, di gentilezza e di bellezza, con frasi di Rodari, Antoine de Saint Exupery, Platone e Tognolini. «Una notte stellata, un artiglio di luna che rischiara turbini di nuvole agitate. Questo capolavoro di Van Gogh ha accolto il nostro arrivo in libreria. Un grazie di cuore al misterioso attacchino della notte che tappezza i muri di Fiumicino con arte e poesia e che ha dato il via ad un circolo virtuoso». Così hanno commentato l’iniziativa dei manifesti artistici le “libraie” di Matrioska in un post della loro pagina Facebook. «In moltissimi – prosegue il messaggio – avete reagito al nostro post Facebook di qualche giorno fa, e vi ringraziamo uno ad uno per l’affetto e l’entusiasmo con cui avete accolto la nostra iniziativa #fiumicinoatestaalta, per contrastare con gesti di bellezza le brutture che deturpano i muri della nostra città. Sono da oggi disponibili in libreria i messaggi gentili, piccole tag di cartoncino che diffondono messaggi di gentilezza come semi di bellezza e cultura. Li potete conservare, usare come segnalibro, regalare, abbandonare in un luogo dove qualcun altro possa trovarli e magari emozionarsi. Oppure potete prendere una tag vuota e scrivere un vostro messaggio personale che abbia come oggetto la gentilezza e in seguito diffonderlo». L’iniziativa è nata come risposta alla vera e propria invasione di svastiche che ha interessato Fiumicino nelle scorse settimane: «Non è questa la città che vogliamo – spiegano in un altro post le libraie – Dopo questi primi anni passati a spargere semi di bellezza siamo convinte che una libreria debba essere un punto di riferimento per la vita culturale di una comunità e, oltre a promuovere il piacere della lettura, debba informare e lanciare dei messaggi di positività, accoglienza, inclusione. Quello che non possiamo fare è tollerare l’intolleranza. Per questo combattiamo. Useremo le uniche armi a noi conosciute: la cura, contro l’indifferenza la bellezza, contro le correnti distruttive la poesia contro la superficialità, l’umiltà, contro l’arroganza e la #gentilezza, contro la prepotenza». Ma i quadri hanno avuto vita breve. Sono stati strappati, danneggiati o tolti circa una metà degli oltre venti grandi manifesti con riproduzioni di celebri dipinti affissi in alcuni punti di Fiumicino. Una brutta sorpresa (strappate ad esempio la “Primavera” di Botticelli proprio all’ingresso della centrale via Torre Clementina o “La creazione di Adamo”), che sta suscitando già diverse reazioni di cittadini sui social: «Non datela vinta a questi vandali annoiati della loro vita senza senso!”, “Proviamo a domandarci chi può sentirsi offeso dall’affissione di manifesti d’arte fino al punto da andare a strapparli». Ed ancora: «Propongo di andare a ripulire i residui di questi quadri strappati, perché non meritano di diventare l’ennesimo emblema della nostra indifferenza. Ai misteriosi artisti dico grazie. Perché è bastato appendere quattro fogli per ricordarci che abbiamo bisogno anche di bellezza».

(02 Giu 2019 - Ore 08:14)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy