Home » » ''Saranno realizzati tremila nuovi loculi''

 

''Saranno realizzati tremila nuovi loculi''

Lo ha detto ieri mattina in conferenza il sindaco Pietro Tidei  che ha ribadito di voler andare avanti con  il project financing Il primo cittadino: «Inaffidabile Ilaria Fantozzi che non si è presentata al contraddittorio»

SANTA MARINELLA – Nel corso di una conferenza stampa, che si è tenuta ieri mattina nell’ufficio del sindaco, sono stati resi noti i motivi per cui questa amministrazione procederà ad affidare la realizzazione di tremila nuovi loculi, attraverso il project financing. Il primo cittadino, si è tolto anche qualche sassolino dalle scarpe, ed ha attaccato senza mezze parole la rappresentante del circolo cittadino di Fratelli D’Italia, che era stata ufficialmente invitata a partecipare alla riunione, ma che non si è presentata. “Da questa sedia vuota – spiega Tidei – è facile capire la scarsa affidabilità di un soggetto, come la signora Ilaria Fantozzi, che rifiuta il contraddittorio e non si presenta per cui, per me, la polemica finisce qui. Per quanto riguarda le ragioni del project, in tutti i Comuni d’Italia si fanno i progetti di finanza, uno strumento che consente di realizzare strutture a costo zero per il Comune che peraltro vengono utilizzati in tutto il mondo e quindi anche in Italia. Anche i cimiteri vengono realizzati con il project e non lo invento io, visto che lo hanno fatto i Comuni di Civitavecchia e Ladispoli”. Il sindaco poi lancia una secca accusa verso la passata amministrazione ed in particolare a chi l’ha diretta. “Noi Abbiamo un Comune dissestato – afferma Tidei – e questo grazie a Bacheca, che sa bene perché siamo costretti a fare i project, considerato che ha sperperato e malversato migliaia di euro. Quindi, non si può permettere di poter continuare impunito a fare riunioni segrete nei retrobottega dei bar, cercando uno che doveva essere esiliato dal Comune, per tentare di rovesciare un’amministrazione che sta qui per risollevare una città che lui ha lasciato tra le macerie. Lo schema progettuale è semplice, il promotore anticipa i soldi per un’opera pubblica e si riserva la gestione sollevando il Comune da qualsiasi spesa. Lo ha fatto anche Società Autostrade e poi si riprende i soldi nel corso degli anni con i pedaggi. Quindi chi vince fa i loculi, ma non certo tutti insieme ma ne costruirà un centinaio per volta, fino a quando non li vende, per poi realizzarne altri. Verrà indetta una gara, uno presenta il project indicando i costi progettuali, dopo di che si mette in gara e se arriva un altro che fa una offerta migliore, se l’aggiudicherà lui. Chi vince realizza i loculi, gestirà le luci votive, sceglierà i materiali, le cappelle e tutto il resto. Il Comune non spederà una lira e avremo nuovi loculi che metteremo a disposizione a coloro a cui sono stati requisiti e che avevano già pagato. Però ci sono degli scienziati che continuano a parlare e a dire che i loculi può farli il Comune. Vengano qui a dirci come fare”. Il sindaco poi risponde all’ex candidato sindaco Alfredo De Antioniis che aveva criticato il project sulla Passeggiata al Mare. “De Antoniis propone idee che potrebbero venire in mente ad un turista – risponde il primo cittadino - oppure a chi dimentica la bella eredità che i suoi amici ci hanno lasciato. La Passeggiata al Mare, quel bene di inestimabile valore, così come lo descrive De Antoniis sulla stampa, è parzialmente interdetta perché a rischio di crollo. A dire questo non sono stato io ma l’ing.Perno che, su incarico della giunta Bacheca, ha redatto diverse perizie sulla staticità della Passeggiata oggi inibita a manifestazioni, attività economiche e tutte quelle attività con conseguente afflusso di persone. Questo è lo stato dei fatti, per non parlare di quello che c’è sotto, locali fatiscenti, in inverno un luogo di bivacco con dei puntelli che, teoricamente, garantiscono la nostra sicurezza. La messa in sicurezza della Passeggiata è stimata per un importo di quasi un milione di euro, quante stagioni balneari debbono passare prima di accantonare questa somma? Il Comune è fallito, non ha soldi. Nel frattempo, purtroppo, la responsabilità civile e penale della sicurezza dei cittadini è del Sindaco e non di Alfredo De Antoniis”. “Con il projetc financig – conclude il sindaco Tidei - il ripristino e la messa in sicurezza saranno a carico del soggetto aggiudicatario che, con la realizzazione di una discoteca e servizi di intrattenimento, potrà restituire alla città il suo bene di inestimabile valore ed una spiaggia attrattiva e funzionante per ben dodici mesi l’anno”.

(13 Apr 2019 - Ore 10:39)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy